Pro e contro dei funghi elettrici e a gas

Mar 4, 2020 Senza categoria

Pro e contro dei funghi elettrici e a gas

Quali sono i pro e i contro dei funghi riscaldanti elettrici e a gas?

  I fungi riscaldanti a gas hanno il vantaggio di essere un modello autonomo. Questo produce un gran calore, molto più di quello emanato da un modello elettrico. È perfetto quindi per scaldare anche ambienti molto grandi, dove il calore altrimenti sarebbe impossibile da ottenere. Sono molto solidi e stabili, e possono durare anche per anni. Tuttavia presentano anche numerosi svantaggi. Per prima cosa si possono usare sono in ambienti esterni, a causa dei fumi dannosi e rischiosi che potrebbero rilasciare. Poi sono apparecchi molto pesanti (pensiamo che contengono una bombola di 13 kg!) e quindi non semplici da trasportare. Hanno un ingombro eccessivo, e per questo dobbiamo assicurarci di avere lo spazio per poterli riporre al meglio prima di acquistarne uno. Controlliamo bene la conformità delle componenti (come il flessibile, il regolatore di pressione, eccetera) per evitare incidenti pericolosi.

  I funghi elettrici invece hanno un ingombro minore rispetto a quelli a gas. Possiamo farne uso anche in casa, senza alcun rischio. Tale modello prevede una manutenzione più agevole. In questo caso il riscaldamento viene emanato tramite un sistema detto irraggiamento: più siamo vicini al fungo più avvertiremo il calore. Se gli siamo distanti però la sensazione non sarà la stessa: probabilmente il calore potrebbe non giungerci affatto.

Per collegare un fungo a gas bisogna aprire il vano della stufa e inserire la bombola del gas. Questa va collegata al dispositivo attraverso un tubo, che deve essere sostituito ogni cinque anni. È meglio servirsi di una chiave per stringere al meglio il bullone, in modo tale da prevenire eventuali allentamenti – e renderlo quindi ben saldo nel tempo. Quando spegniamo l’apparecchio è consigliabile chiudere anche la bombola del gas, per una questione di sicurezza.

Il fungo elettrico invece deve essere collegato a una presa di corrente tramite una spina e un cavo. Verifichiamo bene la lunghezza di questo cavo prima di acquistare il prodotto. Questa infatti potrebbe limitarci, e costringerci a posizionare il fungo vicinissimo alla presa di corrente.