Le sagome per unghie

Le sagome per unghie ci aiutano a decorare e completare al meglio la nostra manicure. Ce ne sono di diversi tipi presenti sul mercato, ognuno con scopi e caratteristiche diverse.

  Le sagome riutilizzabili sono realizzate in teflon. Hanno delle guide in metallo modellabile che ci permette di adattarle al meglio a ogni tipo di dito. Vengono vendute in confezioni, dove poi è possibile riporre la sagoma a utilizzo finito. Questo tipo di sagome hanno delle tracce ben delineate per riuscire a costruire le unghie di egual misura, ed evitare imprecisioni o sprechi. Le migliori prevedono un’applicazione molto semplice, e si attaccano bene all’unghia. È bene pulirle dopo ogni utilizzo, per un fattore igienico e per riuscire a maneggiarle al meglio senza provocare danni.

  Quelle usa e getta, come si capisce dal nome stesso, prevedono un solo utilizzo. Una volta finita la ricostruzione devono essere per forza buttate. Sono autoadesive e si vendono in rotoli appositi.

Sono disponibili sagome di diverse forme, e prima di sceglierne una piuttosto che un’altra è meglio capire che tipo di effetto vogliamo ottenere.

  Per un effetto particolare, come ad esempio un’unghia a pipa, a mandorla o russa è meglio usare le cartine a farfalla;

  Se vogliamo realizzare forme classiche o per il ministiletto invece è meglio prediligere quelle edge. Queste hanno una forma spigolosa e hanno delle alette ai lati;

  Le stiletto sono ideali per la realizzazione di unghie particolarmente lunghe;

  Le sagome ovali hanno una scala numerata, e sono indicate per allungare le unghie. Si possono usare sia col gel che con gli acrilici;

  Infine la forma standard è perfetta per le unghie squadrate o a mandorla. Sono quadrate con delle alette.

Se vogliamo applicarle nella maniera corretta dobbiamo prima di tutto assicurarci che le mani siano pulite. Poi bisogna passare il buffer sulle unghie, in modo tale da renderle viscose. Bisogna poi stendere il primer, e inserire le sagome sotto l’unghia. Per farlo è necessario staccarne una dal rotolo, e attaccarla all’unghia a partire dal bollino centrale. Assicuriamoci che la sagoma entri bene tra l’unghia e il dito, e poi possiamo chiuderla su se stessa. Maggiori info su www.miglioriprodottidibellezza.it.